HOME PAGE ASSOCIAZIONE STATUTO CONCORSO  ISCRIZIONI BACHECA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

aiutiamoli a sorridere

 

adotta un malato

 

 

 

 

 

"Facciamo in modo che la sua strada sia priva di ostacoli"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!

 

L'Associazione Culturale “Cultura e Solidarietà...ricordando Tiziana” è stata costituita venerdì 23 Settembre 2005. L'obiettivo che l'Associazione si propone è la divulgazione della Cultura della Solidarietà. Non può certo sfuggire a nessuno che riproporre, difendere e rivitalizzare valori come il rispetto della dignità umana in ogni circostanza, come la pace e la solidarietà anche tra popoli diversi che esprimono culture diverse, ha oggi un significato importante.

 

Paiono ancora lontani i tempi in cui gli uomini faranno a meno della Guerra per affermare le ragioni della democrazia; ancora meno possiamo aspettarci che la solidarietà diventi quel valore sociale universalmente riconosciuto, disatteso ancora in larga misura dai Governi delle Nazioni, e traini i deboli del mondo verso pari condizioni di vita rispetto ai popoli evoluti, se l’educazione alla solidarietà non diviene la risposta di tutti all’emarginazione.

 

La solidarietà a maggior ragione deve essere espressa a chi soffre per causa di malattie gravi e a volte, per fortuna sempre meno, incurabili. La sofferenza fisica e psicologica di quanti combattono la “guerra” per la sopravivenza deve essere per tutti motivo di solidarietà e intervenire per alleviare anche una sola delle loro afflizioni è dovere della Comunità.

L’Associazione si propone di farsi mezzo per il sostegno a progetti di solidarietà che interessano i malati affetti da gravi patologie. In questo contesto rientra anche la problematica dei diversamente abili. Quotidianamente può essere verificata la superficialità nel trattare temi di rilevante importanza determinando condizioni di discriminazione che penalizzano i diversamente abili e le loro famiglie. Impegnarsi in tal senso riteniamo sia non solo importante ma anche e soprattutto un dovere da adempiere in coscienza.

 

L’Associazione, pur laica, ha voluto adottare una frase di Madre Teresa “ Quello che facciamo noi è come una goccia nell’oceano…ma se quella goccia non ci fosse all’oceano mancherebbe”. Riconoscendosi, anche, nei valori francescani della fratellanza e della pace si propone di allargare la conoscenza del concetto di solidarietà impegnandosi a divulgarne l’essenza sociale. In questo senso il nostro impegno è rivolto a migliorare la consapevole necessità di riportare al centro l’uomo, di qualunque razza o colore, e le sue esigenze elementari: sociali, sanitarie, assistenziali. Una scelta contrapposta alla indolenza e alla staticità di una società a volte distratta da falsi miti legati al consumismo, all’immagine e alla competizione.

 

Impegnarci a percorrere questa strada non facile, nessuno si era illuso che lo fosse, significa fare delle scelte di campo a favore dei deboli, che abbiamo il dovere di aiutare anche con piccole iniziative come la nostra, da cui non intendiamo tornare indietro per la convinzione che deboli si diventa e, non si nasce, per cause tutte ancora da debellare e che abbiamo il dovere come cittadini solidali e responsabili di limitarne, per quanto possibile, gli effetti disastrosi.

 

La presenza di giovani nell’Associazione, uniti nel tenero ricordo di Tiziana, la quale consapevole della “debolezza” del mondo verso i deboli, non esitava ad essere critica nei riguardi anche delle istituzioni che poco s’impegnano a dirimere questioni antiche dell’emarginazione, è la linfa vitale per dare forza alle idee, concretezza alle iniziative e continuità all’affermazione dei valori sociali. Sono questi propositi a darci la forza di andare avanti certi dell’aiuto di Dio, come auspica la scritta nel logo dell’Associazione

 

 

 

cogli l'occasione per l'adozione a distanza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tramestio di pensieri

 

Realizza i sogni, se puoi,

e non ostacolare la sorte benigna

che accompagna chi osa

e ingoia attimi di paura.

I sogni sono sensazioni

attimi d'incoscienza

che solleticano ambizioni.

E' tramestio di pensieri

che danno e chiedono vita.

Sognare è vivere

una, dieci, cento volte

rifugio perenne

di insoddisfatte attese

di capriole intellettuali

di miraggi appassiti.

Aria fresca che accoglie il respiro

come battito d'ali
pronto a volare per altre illusioni

e purifica l'acre odore della delusione

che impregna mistiche preghiere.

Fuoco che arde emozioni

e brucia la meschinità dell'apatia

e scioglie il nodo di corde tese

che legano il presente

al passato fecondo di sventure.

Acqua che disseta

l'inutile esistenza

l'effimera fede

di mille rigagnoli

che prosciugano speranze.

Ma tu che sei estraneo

al dolore immane

che accompagna i miei giorni

liberati del fardello delle tue ansie

e libra nell'infinito la tua gioia.

Lascia a me il ricordo,

faro nel buio che mi circonda,

per rivivere nel tempo

uno scampolo di serenità.

L'oscurità della notte

è l'unica illusione

per nascondere il peso nel cuore

mentre una lacrima scivola

silenziosa e bruciante

e imprime nell'anima il Suo sorriso.

 

 

 

Un cartone abbandonato

 

Ballonzolano i suoi passi

e quasi lievita nell’aria

e si respira felicità  

dalla scia del suo olezzo.

 

Custode di sogni anela la pace

col retaggio di mille paure

e in singhiozzi  dell’anima

si consuma il suo giorno.

 

Sul suo viso stanco

biancheggia l’ispida barba

e sulle dita arse da mille sigarette

è raccolta la storia del suo divenire.

 

L’elemosina di un sorriso

scivola tra anima e cuore

e trascina la gioia

di mille parole mai dette.

 

Un piatto vuoto

ha assolto il suo compito

e un bicchiere ancora colmo

attende il suo turno.

 

Fragranza di solidarietà

si spande nella gelida sera

e un cartone abbandonato

respira aria nuova.