HOME PAGE ASSOCIAZIONE STATUTO CONCORSO ISCRIZIONI BACHECA

Coro di Aglientu..canto e tradizione della Sardegna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WOP!WEB Servizi per siti web... GRATIS!

Sopra: il Coro di Aglientu compresi i solisti, da sinistra:

Luigino Cossu,Ubaldo Diraimo,Ormar Pirodda,

Franco Demuru, Giovanni Puggioný, Rosario Carboni,

Giuseppe Sotgiu, Gavino Pirodda

Per espressa volontÓ di un gruppo di amici, accomunati da una sviscerata passione per il nostro canto tradizionale, affiatati da tantissimi anni di vita paesana e di esperienze corali, viene costituita, nel 1988, l'Associazione Culturale Coro di Aglientu, pi¨ comunemente denominata "CORO DI AGLIENTU". L'intento principale Ŕ quello di salvaguardare e tramandare le proprie tradizioni, in special modo quelle legate alla cultura del mondo agro-pastorale e alla civiltÓ degli "stazzi" galluresi. Quasi tutti possono vantare una esperienza trentennale. Il Coro canta a 4 o 5 voci, secondo il collaudato modulo della "TASGIA", antichissima polifonia sardo/gallure-se: Grossu (basso), Contra (baritono), Boci (voce), Trippi (contralto), Falzittu (falsetto). Il repertorio comprende numerosi canti profani e religiosi, comuni a quasi tutta l'area geografica della Gallura, situata all'estremo nord della Sardegna. Una parte di questi canti sono proposti con solisti e coro accompagnati dalla chitarra. (Tratto da un articolo di G. Sotgiu)

Il Coro di Aglientu si Ŕ esibito il 10 giugno 2006 in  Guspini nel teatro Murgia in occasione della serata di premiazione del 2░ Concorso "Poesie di SolidarietÓ...per ricordare Tiziana".

In quella occasione abbiamo potuto apprezzare la grande professionalitÓ degli artisti e l'alto spessore culturale della loro esibizione. Tutto questo impreziosito dall'esempio encomiabile di  sensibilitÓ umana  dimostrato dai componenti del Coro che, peraltro, si sono esibiti gratuitamente. L'eterna riconoscenza e i nostri ringraziamenti sono poca cosa ma se ha parlare Ŕ il cuore siamo certi che apprezzeranno le nostre parole.

Un grazie particolare al maestro Giovanni Puggioni che ha condotto il Coro con il consueto carisma di artista inossidabile e di uomo esemplare.